Results for 'Alfredo Di Giorgio'

827 found
Order:
See also
Alfredo Di Giorgio
Università degli Studi di Bari (PhD)
Alfredo Di Giorgio
Università degli Studi di Bari
  1.  74
    La regola del descensus. Un esempio di procedura logica di prova nel Medioevo.Alfredo Di Giorgio - 2013 - In Alfredo Di Giorgio & Daniele Chiffi (eds.), Prova e Giustificazione. Torino TO, Italia: pp. 19-50.
    In epoca medievale si è molto discusso su alcuni concetti chiave come prova o giustificazione. La teoria della prova contenuta nei trattati di logica medievale prende il nome tecnico di consequentia, che è un tipo di ragionamento fondato sul passaggio dalla concessione (o negazione) di uno o più enunciati denominati antecedenti alla concessione (o negazione) di uno o più enunciati denominati conseguenti. Questo tipo di teoria ha avuto un correlato a livello dei singoli termini che compongono l’enunciato all'interno della teoria (...)
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  2. Giorgio Colli e lo specchio di Dioniso.Federica Montevecchi - 2002 - la Società Degli Individui 14.
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  3.  29
    Insolubilia e proprietates terminorum.Alfredo Di Giorgio - 2015 - Roma RM, Italia: Aracne Editore.
    Il volume intende presentare in una prospettiva organica la letteratura medievale sugli Insolubilia. Gli insolubili sono stati definiti come proposizioni autoreferenziali che hanno origine direttamente dalla tradizione del paradosso del mentitore. L’impostazione del presente lavoro vuole essere sia filologica che teorica in modo che da un lato si possano inserire le analisi speculative sugli Insolubilia in un contesto critico–storico più ampio che restituisca la peculiarità della trattazione medievale, e dall’altro, possa essere effettuata una analisi precisa dei tentativi di soluzione proposti (...)
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  4. Metaphysisch malen: Philosophie und Bild bei Giorgio de Chirico.Andreas Dorschel - 2009 - In Kunst und Wissen in der Moderne. Böhlau. pp. 123-132.
    ‘Metaphysical painting’ (‘pittura metafisica’) is a paradoxical term: extrasensory sensuousness, as it were. Painting is the representation of visible surfaces; metaphysics rejects surfaces, as deceptive, in favour of the deeper essence. But Giorgio de Chirico (1888–1978) who coined the term ‘pittura metafisica’ in 1919 was a follower of the anti-essentialist Nietzsche. ‘Metaphysics’, then, is not about discovering the essence of things but about shaping their appearances, their ‘physique’. This is an intriguing concept and the corollary to a subtle artistic (...)
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  5.  78
    Verso una nuova editio minor della Metafisica di Aristotele.Silvia Fazzo - 2015 - Chôra 13:253-294.
    I. Introduzione. I.1. Un’editio minor come sfida aperta. I.2 Per una più selettiva eliminatio. II.1 Sulla storia del problema : l’eredità del XIX secolo (Brandis 1823, Christ 1885, Gercke 1892) nelle edizioni del XX (Ross 1924, Jaeger 1957). II.2. Studi recenti : la necessità di un superamento. II.3. Lo stemma di riferimento : Harlfinger (1979). II.4. L’applicazione dello stemma nel libro Alpha edito da Primavesi. II.5. La revisione dello stemma, proposta per Kappa e Lambda (2009, 2010). II.6. La reazione : (...)
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  6. Complessità E Riduzionismo.Vincenzo Fano, Enrico Giannetto, Giulia Giannini & Pierluigi Graziani - 2012 - ISONOMIA - Epistemologica Series Editor.
    The enormous increasing of connections between people and the noteworthy enlargement of domains and methods in sciences have augmented extraordinarily the cardinality of the set of meaningful human symbols. We know that complexity is always on the way to become complication, i.e. a non-tractable topic. For this reason scholars engage themselves more and more in attempting to tame plurality and chaos. In this book distinguished scientists, philosophers and historians of science reflect on the topic from a multidisciplinary point of view. (...)
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  7. Goodbye is Too Good a Word: Sulle difficoltà del congedo di Ferraris.Alfredo Ferrarin - 2006 - In Congedarsi da Kant? Interventi sul Goodbye Kant di Ferraris. ETS. pp. 13-35.
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark   1 citation  
  8. Autocoscienza, riferimento dell'io e conoscenza di sé. Introduzione ad un dibattito contemporaneo.Alfredo Ferrarin - 1992 - Teoria 12:111-152.
    discussion of contemporary theories of self-consciousness.
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  9. Artificio, desiderio, considerazione di sé. Hobbes e i fondamenti antropologici della politica.Alfredo Ferrarin - 2001 - ETS.
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark   1 citation  
  10.  26
    Il gesto oltre l'azione. Una filosofia dell'innocenza. [REVIEW]Fabio Vergine - 2017 - Philosophy Kitchen 1.
    Discussione a partire dal libro di Giorgio Agamben "Karman. Breve trattato sull'azione, la colpa e il gesto", Bollati Boringhieri, 2017.
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  11.  19
    Gusto. Pensare la frattura. [REVIEW]Fabio Vergine - 2015 - Doppiozero 1.
    Recensione del testo di Giorgio Agamben, "Gusto".
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  12.  33
    Prophecies, Rumors, and Silence: Notes on Caesar's Last Initiative.Bruce Lincoln - 1990 - Episteme: In Ricordo di Giorgio Raimondo Cardona 4:59.
    Download  
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  13.  83
    The Last Temptation of Giorgio Agamben? The Antichrist, the Katechon, and the Mystery of Evil.Eric D. Meyer - manuscript
    Abstract: Giorgio Agamben's recent works have been preoccupied with a certain obscure passage from St. Paul's 'Second Epistle to the Thessalonians,' which describes the portentous events that must occur before the Second Coming of Jesus Christ can take place---specifically, the appearance of a 'man of lawlessness' (the Antichrist?) and the exposure of who or what is currently restraining the 'man of lawlessness' from being exposed as the Antichrist: a mysterious agency called the 'katechon.' In 'The Mystery of Evil: Benedict (...)
    Download  
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  14. Aristotle.Jussi Backman - 2017 - In Adam Kotsko & Carlo Salzani (eds.), Agamben's Philosophical Lineage. Edinburgh: Edinburgh University Press. pp. 15-26.
    This chapter is an overview of Giorgio Agamben's engagement, in the Homo Sacer series (1995–2014), with Aristotelian philosophy. It specifically studies Agamben's attempt to deconstruct two Aristotelian conceptual oppositions fundamental for the Western tradition of political thought: (1) that between the bare fact of being alive and "qualified" living (associated by Agamben with an alleged distinction between zōē and bios) and (2) that between potentiality (dynamis) and actuality (energeia). Agamben's concept of form-of-life (forma-di-vita), a life that is never "bare" (...)
    Download  
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  15.  56
    Review of Giorgio Agamben Use of Bodies. [REVIEW]Eric D. Meyer - 2017 - Marxism and Philosophy Review of Books.
    A review of Giorgio Agamben's The Use of Bodies that considers Agamben's Homo Sacer series as a contribution to Post-Marxist political theory, and attempts to place Agamben's politial theology in the context of 1970s Italian radical politics. The review also poses the question whether Agamben's anarchist/aestheticist theory is a helpful contribution to political praxis in the contemporary period of the global hegemony of multinational military-industrial technocratic capitalism.
    Download  
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  16.  71
    Un nuovo, originale autografo di Giordano Bruno.Guido del Giudice (ed.) - 2008 - Di Renzo.
    UN NUOVO, ORIGINALE AUTOGRAFO DI GIORDANO BRUNO, NELLA COPIA PRAGHESE DEL CAMOERACENSIS ACROTISMUS. Estratto da "La disputa di Cambrai. Camoeracensis Acrotismus", a cura di Guido del Giudice, ediz. Di Renzo, Roma 2008.
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  17. Review of Giorgio Agamben Mystery of Evil.Eric D. Meyer - 2017 - Dissertation,
    A review of Giorgio Agamben's The Mystery of Evil: Bendict XVI and the End of Days, which attempts to place Agamben's peculiar argument regarding Pope Benedict's abdication in the context of his reading of St. Paul's 2 Thessalonians 2:1-12, and, more generally, in terms of his political-theology in the Homo Sacer series. The questions, 'Who is the Antichrist?' and 'Who (or what) is the katechon?' are also explored, in the attempt to translate Agamben's obscure theology into contemporary political terms.
    Download  
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  18.  68
    Mappe concettuali vs ontologie. Un confronto sull'utilizzo di strumenti informatici per la didattica.Antonio Lieto & Francesco Vittorio Rebuffo - 2019 - In Cristiano Chesi (ed.), Atti dell'Associazione Italiana di Scienze Cogntitive. 27100 Pavia, Province of Pavia, Italy: pp. 4-7.
    Questo lavoro propone un confronto tra diversi strumenti utilizzabili per modellare la conoscenza di dominio in ambito didattico: le mappa concettuali, Novak e Cañas (2006), (uno strumento tradizionalmente utilizzato nelle scuole) e le ontologie computazionali (dei sistemi formali di modellazione concettuale, attualmente molto usati nei sistemi di intelligenza artificiale per le loro capacità di “ragionamento automatico”, si veda Guarino, (1995)). Nello specifico, questo articolo presenta il risultato di un un doppio esperimento sul campo condotto presso il Liceo Scientifico “Guido Parodi” (...)
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  19.  61
    La vera storia dell'arresto di Giordano Bruno.Guido Del Del Giudice - 2018 - la Biblioteca di Via Senato (2):56-62.
    L’indagine condotta su alcuni personaggi finora rimasti nell’ombra, ma che ebbero un peso notevole, se non determinante, sul destino del filosofo, permette di ricostruire il complotto ordito dall’Inquisizione Cattolica per arrivare a mettere le mani su Giordano Bruno. La minuziosa e circostanziata ricostruzione dei fatti si integra perfettamente con altre recenti ricerche dello stesso genere.
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  20. Enactivism and Cognitive Science: Triple Review of J. Stewart, O. Gapenne, and E. A. Di Paolo (Eds.), Enaction: Towards a New Paradigm for Cognitive Science; Anthony Chemero, Radical Embodied Cognitive Science; and Mark Rowlands, The New Science of the Mind”. [REVIEW]Robert D. Rupert - 2016 - Mind 125 (497):209-228.
    Download  
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  21. Commento al De visione Dei di Nicola Cusano.Andrea Fiamma - 2010 - Rivista di Ascetica E Mistica 1:35–82.
    Il lavoro consiste in una particolare rilettura del testo cusaniano, nella quale si cerca di evidenziare, tra le altre fonti, soprattutto la presenza di Meister Eckhart. La “discesa” nel fondo dell'anima è presentata come il culmine teoretico di quel cammino di visione a cui e-duca l'aegnima dell'icona. Per queste ragioni l'articolo punta sull'influsso della mistica speculativa in campo teoretico e di quella dottrina che M. Eckhart chiama “Generazione del Logos nell'anima”. Tale trattazione apre poi il senso dell'ampia sezione dedicata alla (...)
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  22. Logica e ontologia formale nelle «Logische Untersuchungen» di Husserl.Barry Smith - 1991 - Rivista di Filosofia 83 (1):53-70.
    Per Husserl, come per Bolzano, la logica e una dottrina della sdenza. Husserl prende pero piu sul serio l'idea che le teorie scientifiche siano costituite dagli atti mentali di soggetti conoscenti. Quella che segue e un' esposizione della concezione husserliana della logica e della scienza, fondata appunto sugli atti; essa approdera a una delineazione dell'idea husserliana di «ontologia formale».
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  23. La precisione della matematica e l’infinito nel De docta ignorantia di Nicola Cusano.Andrea Fiamma - 2012 - In D. Bosco (ed.), D. Bosco et al. (a cura di), <Testis fidelis. Studi di filosofia e scienze umane in onore di Umberto Galeazzi>, Orthotes editrice, Napoli 2012, p. 325-342. Orthotes Editrice. pp. 325--342.
    Il contributo consiste in una analisi e commento della prima sezione del De docta ignorantia di Nicola Cusano (capp. I-XVI), dedicata ai concetti di precisione matematica e di uguaglianza. Il saggio offre la possibilità di ripercorrere la teoria della conoscenza di Cusano, laddove l'impossibilità per la ragione di giungere ad una mens-ura precisa dell'oggetto da conoscere non si trasforma in una mera cultura del limite, bensì la filosofia negativa diviene base per la mistica. In altri termini l'obiettivo specifico del saggio (...)
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  24.  61
    Alfredo Deaño and the Non-Accidental Transition of Thought.Maria G. Navarro - 2016 - Archives for the Philosohy and History of Soft Computing (1):1-13.
    If the cultural variations concerning knowledge and research on ordinary reasoning are part of cultural history, what kind of historiographical method is needed in order to present the history of its evolution? This paper proposes to introduce the study of theories of reasoning into a historiographic perspective because we assume that the answer to the previous question does not only depend of internal controversies about how reasoning performance is explained by current theories of reasoning. [...].
    Download  
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  25.  24
    Le epistole latine di Giordano Bruno. L’altro volto del filosofo di Nola.Gianluca Montinaro & Guido Del Giudice - 2018 - la Biblioteca di Via Senato (4):56-59.
    La convinzione che la corretta comprensione della filosofia di Giordano Bruno sia imprescindibile dal tempo e dal luogo in cui il testo venne scritto è il principio ispiratore dell’originale metodo di ricerca di Guido del Giudice. Questa antologia, che raccoglie per la prima volta tutte le epistole dedicatorie delle opere latine, giunge a coronamento di un lavoro decennale dell’autore.
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  26.  13
    Il principio di inclusione nei nuovi processi deliberativi. Il caso della legge n. 69/2007 della Regione Toscana.Luca Corchia - 2011 - Rivista Trimestrale di Scienza Dell’Amministrazione 55 (4):79-100.
    Il concetto di “inclusione” fa riferimento alla domanda “chi partecipa?”, ovvero alla questione cruciale di come vengono determinati in astratto e selezionati concretamente i soggetti della società civile a cui viene demandata la deliberazione su taluni aspetti dei processi decisionali delle amministrazioni pubbliche. L’Autore affronta i principali aspetti teorici e metodologici, confrontando le risposte della letteratura critica con le norme della legge n. 69/2007 della Regione Toscana sulla promozione della partecipazione alla elaborazione delle politiche regionali e locali. Dalla disamina emerge (...)
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  27.  83
    Giordano Bruno, Rabelais e Apollonio di Tiana.Guido del Giudice (ed.) - 2006 - Di Renzo.
    Regarding the influence of Francois Rabelais on the Giordano Bruno’s works, up to now the criticism have only taken into consideration the lexical and thematic analogies. This article individualizes, in a passage of the "Oratio Valedictoria", a literal quotation from the Gargantua et Pantagruel , showing that Rabelais was adirect source of inspiration for Bruno. The protagonist of the passage is the pythagorean Apollonius of Tyana, a character well known from the Nolan, who mentioned him in many occasions. He represents (...)
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  28.  9
    Sommario di "Il Pensiero Massonico Tedesco del XVIII Secolo- Gotthold Ephraim Lessing - Johann Gottfried Herder - Johann Wolfgang Goethe - Johann Gottlieb Fichte".Francesco Angioni (ed.) - 2018 - Lecce LE, Italia: Borè srl.
    In Germany, between the last decades of the 18th and the first decades of the 19th centuries, four fundamental figures of German and European culture emerged: Lessing the great playwright, Herder the promoter of the epistemological foundations of modern linguistics and of the emerging historical-social sciences, Goethe the supreme poet and novelist, and Fichte the eminent philosopher. They were all Freemasons and basic authors of Masonic thought. The most significant works of these authors have been chosen, which summarize the interpretative (...)
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  29.  65
    Introduzione, in Rahel Jaeggi, "Forme di vita e capitalismo", edited and translated by Marco Solinas, Turin: Rosenberg & Sellier, 2016, pp. 7-31.Solinas Marco (ed.) - 2016 - Turin: Rosenberg & Sellier.
    Introduzione alla raccolta di saggi di Rahel Jaeggi "Forme di vita e capitalismo", curata e tradotta da Marco Solinas. L'introduzione presenta una breve panoramica del pensiero dell'autrice e si sofferma sul suo progetto incentrato sulla critica immanente del capitalismo come forma di vita.
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  30. Ragione e relazione: la fenomenologia di Hegel come tropologia.Italo Testa - 2003 - Giornale di Metafisica 25 (2):371-392.
    This article deals with the question of skepticism within Hegel's Phenomenology. The article reconstructs the role played by the tropes of ancient skepticism in Hegel's criticism of foundationalism and monological thinking. Furthermore, the skeptical method applied by Hegel is read as a sort of negative dialectics that is constitutive of a relational theory of rationality, and which culminates in his conception of the Absolute Knowing as speculative tropology.
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  31. Il pragmatismo di Nietzsche. Saggi sul pensiero prospettivistico.Pietro Gori - 2016 - Mimesis.
    Il pensiero prospettivistico del Nietzsche maturo sorge come reazione alla «fede in un valore metafisico e in sé della verità» che, a partire da Platone, ha animato la cultura occidentale. Agli occhi di Nietzsche, tale fede si trova all’origine del processo di degenerazione antropologica che ha caratterizzato la morale europea, ed è pertanto su di essa che occorre operare criticamente se si vuole avviare un contromovimento in grado di permettere all’umanità di orientarsi nei meandri labirintici del nichilismo. Attraverso una contestualizzazione (...)
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark   4 citations  
  32. Political Life: Giorgio Agamben and the Idea of Authority.Steven DeCaroli - 2013 - Research in Phenomenology 43 (2):220-242.
    This article explores the relation between biological life and political life, placing it in the context of the ancient Greek distinction between the life of the home and the realm of politics. In contrast with the oikos, the life of the polis was characterized by attempts to exclude from its sphere both the constraints of necessity that oblige human action to conform to the exigencies of survival as well as the violence that accompanies this pursuit. Although this exclusion has never (...)
    Download  
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  33. Il Buon Europeo di Nietzsche Oltre Nichilismo E Morale Cristiana.Pietro Gori & Paolo Stellino - 2016 - Giornale Critico Della Filosofia Italiana:98-124.
    ITA: Quello del “buon europeo” è in Nietzsche un tema significativo, che si presenta originariamente connesso alle riflessioni di Nietzsche sulla cultura europea, arricchendosi col tempo di una portata filosofica che si lega agli obiettivi del suo pensiero maturo. Scopo del presente articolo è di mostrare la genesi e l’evoluzione di tale concetto, a partire dalle sue prime occorrenze in Umano, troppo umano I fino al suo compiuto sviluppo negli scritti del 1885-87. Tale studio permetterà di evidenziare il particolare valore (...)
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark   1 citation  
  34. L'antropologia di k. Wojtyla come sintesi del pensiero clasico e della modernità.Antonio Malo - 2006 - Acta Philosophica: Rivista Internazionale di Filosofia 15 (1):11-28.
    Convinced that anthropology constitutes the nucleus of K. Wojtyla's thought, the author attempts to discover what kind of anthropology is at the basis of Wojtyla's philosophical writings and the implications of that anthropology. The analysis of the basic structures of Wojtyla's anthropology (the experience of that which occurs and that of action, the structure of the person-act, the transcendence of the person in truth, gift, etc.) leads the author to hold that Wojtyla's philosophy can be considered a coherent metaphysics of (...)
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  35.  65
    Bauman e Habermas su teoria e prassi. Alle origini di un confronto incompiuto.Luca Corchia - 2018 - Sicurezza E Scienze Sociali 1 (6):141-174.
    After noting the absence of a mutual confrontation, the aim of this research has been redefined in reconstructing the influence of Habermas’ writings on the work of Zygmunt Bauman – an aspect known to scholars of the Polish sociologist but not very well recognized in the international sociological community. Following a philological and critical literary approach, the Baumanian interpretations – selective, discontinuous and, often, erroneous – have been systematized into two main topics: 1) the epistemological foundations of social theory; 2) (...)
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  36. Il neoplatonismo nell'ontologia chimica di Jan Baptista van Helmont.Marina Paola Banchetti-Robino - 2017 - In Il minimo, l’unità, e l’universo infinito nella cosmologia vitalistica di Giordano Bruno. Milano: Limina Mentis.
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  37. La figura della madre nei romanzi di Moravia e nelle trasposizioni cinematografiche. La madre autoritaria de La Noia tra Moravia e Damiano Damiani.Luca Corchia - 2015 - The Lab’s Quarterly 16 (4):37-67.
    Il breve saggio si propone di esaminare la centralità della figura materna nell’opera di un ingegnoso costruttore di storie della letteratura italiana del Novecento: Alberto Moravia. La scelta dell’Autore nasce dalla rilevanza della tematica nella sua opera, in cui peraltro è quasi sempre assente il punto di vista femminile delle “voci” delle donne. Ciò sembra paradossale e questa circostanza è di grande interesse critico. In particolare, a dispetto delle interpretazioni più canoniche, secondo cui Moravia – negli scritti realizzati tra il (...)
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  38.  22
    La biosemiotica di Jakob von Uexküll e Max Scheler: dal Bauplan al Leibschema.Guido Cusinato - 2018 - In Biosemiotic and psychopathology of the ordo amoris. Biosemiotica e psicopatologia dell'ordo amoris. In dialogo con Max Scheler. Milano: pp. 70-77.
    In questo lavoro si dimostra che l'opinione comune, secondo cui è Heidegger a scoprire Jacob von Uexküll (cfr. l'Introduzione di Marco Mazzeo a Uexküll, Ambienti animali e ambienti umani) , è scorretta, in quanto è Scheler, due decenni prima, fra il 1909 e il 1913, a scoprire e valorizzare la portata filosofica di Uexküll.
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  39.  27
    Pietro Salis, "Pratiche Discorsive Razionali. Studi Sull'inferenzialismo di Robert Brandom", Milano-Udine, Mimesis Edizioni, 2016, Pp. 332. [REVIEW]Giacomo Turbanti - 2018 - Aphex 17.
    Che cosa vuol dire per le espressioni del nostro linguaggio avere un significato? Secondo un approccio oggi sostanzialmente standard in semantica, avere significato vuol dire prima di tutto avere un contenuto rappresentazionale, cioè poter rappresentare qualcosa. Secondo un inferenzialista come Robert Brandom, invece, le espressioni del nostro linguaggio hanno contenuto perché sono inserite in una rete di relazioni inferenziali, rispetto alla quale possono essere utilizzate per dare e richiedere ragioni. Il libro di Pietro Salis, Pratiche discorsive razionali, presenta e discute (...)
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  40.  51
    Ernst Mach dal punto di vista storico-critico.Pietro Gori - 2018 - In Ernst Mach tra scienza e filosofia. Pisa: pp. 11-31.
    L'articolo si propone di accostarsi alla figura di Ernst Mach seguendo la stessa metodologia storico-critica da lui utilizzata. Essa permette di contestualizzarne la figura e l'opera in un momento significativo della storia della filosofia occidentale, ma anche di ridefinire alcuni concetti fondamentali del suo pensiero. Scopo ulteriore della ricerca è di osservare da una diversa prospettiva la questione relativa al valore filosofico del lavoro epistemologico di Mach, mostrando come esso possa essere affermato senza bisogno di uscire dai confini da lui (...)
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  41. Conoscenza, azione e antropologia nella filosofia di John Rawls.Giovanni De Grandis - 2003 - Problemata. Quaderni di Filosofia 3:81-139.
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  42. Recensione di Alva Noë, Out of Our Heads. Why You Are Not Your Brain and Other Lessons From the Biology of Consciousness, Hill and Wang, New York, 2009. [REVIEW]Pietro Salis - 2011 - Aphex 4:246-264.
    Ita La recensione presenta la prospettiva enattivista difesa da Alva Noë, e ne discute alcuni aspetti specifici. Il pensiero, la coscienza e la cognizione non sono pienamente comprensibili, secondo l’enattivismo di Noë, senza un’adeguata considerazione del ruolo ricoperto dal corpo e dall’ambiente. Sarebbe quindi sbagliato continuare a pensare che il cervello da solo sia responsabile dei processi cognitivi umani: il programma che ricerca i correlati neurali della coscienza sarebbe quindi destinato al fallimento dal principio, perché tralascia in partenza corpo e (...)
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  43.  24
    Un Sistema di Creatività Computazionale basato su Logiche Non Monotòne per la Generazione di Nuovi Personaggi/Storie/Format in Ambienti Multi-Mediali.Antonio Lieto - forthcoming - In Proceedings of Ital-IA. Rome, Metropolitan City of Rome, Italy: pp. 123-135.
    In questo contributo descriviamo un sistema di creatività computazionale in grado di generare automaticamente nuovi concetti utilizzando una logica descrittiva non monotòna che integra tre ingredienti principali: una logica descrittiva della tipicalità, una estensione probabilistica basata sulla semantica distribuita nota come DISPONTE, e una euristica di ispirazione cognitiva per la combinazione di più concetti. Una delle applicazioni principali del sistema riguarda il campo della creatività computazionale e, più specificatamente, il suo utilizzo come sistema di supporto alla creatività in ambito mediale. (...)
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  44. Socrate e Freud. Due psicoterapie a confronto, in "Kykéion. Semestrale di idee in discussione", 8 , pp. 105-116.Marco Solinas - 2002 - Kykéion. Semestrale di Idee in Discussione 8:105-116.
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  45. Ugo Nespolo: a proposito di rappresentazioni.Elisa Caldarola - 2015 - Rivista di Estetica 58.
    An analysis of three pictorial works by Ugo Nespolo is put forward: "Barbe posticce" (1977); "Guardar Manzoni" (1974); "Il museo: Fontana" (1975). It is claimed that such works embody meditations on the concept and the varieties of representation, that they prompt critical reflections on the role of museums in art-making, and that they suggest an alternative route to that of the 'dematerialization' of the art object for the understanding of contemporary art.
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  46. Forme della psicoanalisi e teoria del riconoscimento. La psiche intersoggettiva di Axel Honneth.Marco Solinas - 2015 - Psicoterapia E Scienze Umane (2):221-242.
    "Patterns of psychoanalysis and theory of recognition. Axel Honneth’s intersubjective psyche". An overview of the several scopes and patterns used over time by Axel Honneth in his “theory of recognition” is presented. After a discussion of the use of object relations theory (especially with reference to D.W. Winnicott’s contributions) in Honneth’s 1992 book Struggle for Recognition, the theoretical revision of psychoanalysis in light of his theory of recognition is examined. Finally, Honneth’s suggestion of a new alliance between a renewed “critical (...)
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  47. Proposta di nuovi simboli per la Mereologia Formale.Pierluigi Graziani - 2014 - In Elena Casetta & Valeria Giardino (eds.), Mettere a fuoco il mondo. © ISONOMIA – Epistemologica, University of Urbino. pp. 106-111.
    La storia della nascita, utilizzo e declino delle notazioni scientifiche costituisce un’area di indagine importante che può aiutare le nostre analisi del pensiero scientifico e la sua evoluzione. […] this history constitutes a mirror of past and present conditions in mathematics which can be made to bear on the notational problems now confronting mathematics. The successes and failures of the past will contribute to a more speedy solutions of the notational problems of the present times.Questa storia, ovviamente, coinvolge anche le (...)
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  48. La riscoperta della via regia. Freud lettore di Platone.Marco Solinas - 2012 - Psicoterapia E Scienze Umane (4):539-568.
    Starting with the reference to “Plato’s dictum” that Freud added in the second last page of the first edition of The Interpretation of Dreams, the author explains the convergences between the conception of dreams expounded by Plato in the Republic and Freud’s fundamental insights. The analysis of bibliographic sources used by Freud, and of his interests, allow than to suppose not only that Freud omitted to acknowledge the Plato’s theoretical genealogy of “the Via Regia to the unconscious”, but also the (...)
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  49.  87
    Le seconde generazioni di stranieri in Italia.Luca Corchia - 2015 - In Mario Aldo Toscano & Antonella Cirillo (eds.), Xenia. Nuove sfide per l'integrazione sociale. Milano: FrancoAngeli. pp. 161-174.
    1. Introduzione; 2. Definizioni: chi sono gli immigrati di seconda generazione?; 3. Precauzioni: declinare il concetto di seconda generazione al plurale?; 4. Specificità: in che cosa sono diverse dalle prime generazioni?; 4.1. Il differenziale linguistico; 4.2. L’acculturazione tra comunità di origine e di accoglienza; 4.3. La disposizione verso la partecipazione alla vita pubblica; 4.4. Prospettive di autorealizzazione e conflitto intergenerazionale; 4.5. La socializzazione illusoria e il rischio di downward assimilation; Riferimenti bibliografici.
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  50. Enciclopedia e analisi filosofica. L'eredità di Quine.Pietro Salis - 2008 - In A. Loche (ed.), ENCICLOPEDIE ED ENCICLOPEDISMI NELL'ETÀ MODERNA E CONTEMPORANEA. Cuec University Press. pp. 339-54..
    Tentativo di ridescrizione filosofica del modo di intendere la conoscenza enciclopedica, e nello specifico la natura dell'informazione enciclopedica, di seguito ai radicali cambiamenti teorici intervenuti nel '900 attraverso le tesi di Quine sull'analiticità e il declino del progetto Neopositivista. Segue una proposta di caratterizzazione dell'informazione enciclopedica che non si basa su una rigida distinzione tra enunciati analitici e sintetici, ma su di una griglia teorica più sfumata.
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
1 — 50 / 827