La sfida educativa del XXI secolo: una scelta di bene senza compromessi

In Il tempo, la storia e la memoria. 62100 Macerata MC, Italia: pp. 19-45 (2016)
  Copy   BIBTEX

Abstract

Nell’era attuale, già profondamente segnata da un genere di violenza e di terrore che sta assumendo forme inconcepibili e proporzioni incontrollabili, sempre più s’impone una sfida educativa la cui sostanza più densa l’autrice del saggio ritiene essere rappresentata dall’educazione a un bene assoluto e radicale che non lasci spazio a compromessi e che possa costituire una risposta efficace e drastica al male assoluto al quale, la storia e la Shoah insegnano, è possibile arrivare. Educatori ed educandi devono tutti sentirsi coinvolti, personalmente e come membri attivi di una collettività, in un processo responsabile di autoeducazione e di educazione alla libertà interiore, l’unica che può condurre l’uomo a un rifiuto fattivo e categorico di ogni forma di sopruso, di violenza e di prevaricazione contro l’uomo e contro la vita. È in questo tipo d’impegno formativo-culturale e sociale che vanno collocate le iniziative organizzate dalla Rete Universitaria per il Giorno della Memoria, dai Corsi di Storia e didattica della Shoah alle ricerche scientifiche e pubblicazioni che ne scaturiscono.

Author's Profile

Clara Ferranti
Università degli Studi di Macerata

Analytics

Added to PP
2018-11-20

Downloads
166 (#69,416)

6 months
40 (#81,566)

Historical graph of downloads since first upload
This graph includes both downloads from PhilArchive and clicks on external links on PhilPapers.
How can I increase my downloads?