Nobiltà, ‘divizie’ e riflesso in Dante

Revista Española de Filosofía Medieval 27 (1):15-45 (2020)
  Copy   BIBTEX

Abstract

L’articolo illustra il modo in cui Dante ha utilizzato le fonti medievali nel campo dell’ottica e degli exempla dei bestiari per costruire analogie al fine di ragionare delle ricchezze e della nobiltà. Il testo analizza, in particolare, Purg. XVII 1-9, Cv. II iv 16-17, III vii, ix, alcuni frammenti della canzone Le dolci rime e il relativo commento in Cv. IV. Alla fine dell’articolo si espone il contrappunto filosofico che Dante offre alle vicende storiche del suo tempo.

Author's Profile

Augusto Nava Mora
National Autonomous University of Mexico

Analytics

Added to PP
2022-11-21

Downloads
146 (#82,555)

6 months
68 (#71,641)

Historical graph of downloads since first upload
This graph includes both downloads from PhilArchive and clicks on external links on PhilPapers.
How can I increase my downloads?