Rappresentare i disordini mentali mediante ontologie

Apprendimento, Cognizione E Tecnologia (2016)
Download Edit this record How to cite View on PhilPapers
Abstract
Come è emerso dall’analisi filosofica e dalla ricerca nelle scienze cogni- tive, la maggior parte dei concetti, tra cui molti concetti medici, esibisce degli “effetti prototipici” e non riesce ad essere definita nei termini di condizioni necessarie e sufficienti. Questo aspetto rappresenta un problema per la pro- gettazione di ontologie in informatica, poiché i formalismi adottati per la rap- presentazione della conoscenza (a partire da OWL – Web Ontology Langua- ge) non sono in grado di rendere conto dei concetti nei termini dei loro tratti prototipici. Nel presente articolo ci concentriamo sulla classe dei disordini mentali facendo riferimento alle descrizioni che ne vengono date nel DSM-5. L’idea è quella di proporre un approccio ibrido, in cui i formalismi delle ontologie sono combinati a una rappresentazione geometrica della conoscenza basata sugli spazi concettuali.
Categories
PhilPapers/Archive ID
AMORID
Revision history
Archival date: 2016-06-12
View upload history
References found in this work BETA
Consiglio nazionale delle ricerc.Guarino, N. & Roma, I.

View all 6 references / Add more references

Citations of this work BETA

No citations found.

Add more citations

Added to PP index
2016-06-12

Total views
62 ( #34,398 of 44,318 )

Recent downloads (6 months)
19 ( #31,481 of 44,318 )

How can I increase my downloads?

Downloads since first upload
This graph includes both downloads from PhilArchive and clicks to external links.