‘Mentes caecus instiget furor’: akrasia in Seneca

In Fulvia de Luise & Irene Zavattero (eds.), La volontarietà dell'azione tra Antichità e Medioevo. Trento TN, Italia: pp. 219-242 (2019)
Download Edit this record How to cite View on PhilPapers
Abstract
Seneca sembra rileggere la dottrina stoica delle passioni alla luce dell’interpretazione aristotelica; procedendo nell’ottica del- l’alternativa secca che si deve al monismo della versione crisip- pea, Seneca fa delle passioni qualcosa di esterno e alternativo al soggetto agente. Tuttavia, seguendo poi una dinamica prospetti- va di tipo dualistico, evoca il ruolo decisionale e responsabiliz- zante del soggetto agente, il quale ha il compito di optare per la ragione o per l’opinione30 e quindi di mantenere o meno la propria enkrateia. Da ciò dipende che questa si trasformi o meno in uno strumento nelle mani della passione.
Keywords
Categories
(categorize this paper)
PhilPapers/Archive ID
MASMCI
Upload history
Archival date: 2020-08-30
View other versions
Added to PP index
2020-08-30

Total views
56 ( #54,641 of 64,082 )

Recent downloads (6 months)
13 ( #41,969 of 64,082 )

How can I increase my downloads?

Downloads since first upload
This graph includes both downloads from PhilArchive and clicks on external links on PhilPapers.