I confini di un taglio

In Elena Casetta & Valeria Giardino (eds.), Mettere a fuoco il mondo. ISONOMIA - Epistemologica Series Editor, University of Urbino. pp. 14-22 (2014)
Download Edit this record How to cite View on PhilPapers
Abstract
Che gli esseri umani esperiscano e rappresentino il mondo come un dominio ricco di confini è piuttosto ovvio. Tuttavia, Achille Varzi ha sottolineato a più riprese nelle sue opere che, dal punto di vista metafisico, è interessante chiedersi se i confini siano tutti dello stesso tipo. Tale domanda ci permette, infatti, di affrontare con un registro intuitivo una serie di questioni classiche circa la natura del mondo. In queste poche pagine vorrei considerare il tema dei confini da un’angolatura specifica, quella della macelleria. Dapprima introduco una triplice distinzione tra tipologie di confini (§1). Questa risulta utile per inquadrare il successivo esempio tratto dalla pratica della macelleria kosher (§2), che suggerisce una quarta tipologia di confine, dalla quale traggo spunto per alcune considerazioni circa la relazione tra confini, convenzioni e realtà (§3).
Categories
(categorize this paper)
PhilPapers/Archive ID
BORICD
Upload history
Archival date: 2014-11-05
View other versions
Added to PP index
2014-11-05

Total views
244 ( #19,422 of 52,923 )

Recent downloads (6 months)
4 ( #51,585 of 52,923 )

How can I increase my downloads?

Downloads since first upload
This graph includes both downloads from PhilArchive and clicks on external links on PhilPapers.