Confini. Dove finisce una cosa e inizia un’altra

In Andrea Bottani & Richard Davies (eds.), Ontologie regionali. Mimesis. pp. 209–222 (2007)
Download Edit this record How to cite View on PhilPapers
Abstract
Ci imbattiamo in un confine ogni volta che pensiamo a un’entità demarcata rispetto a ciò che la circonda. C’è un confine (una superficie) che delimita l’interno di una sfera dal suo esterno; c’è un confine (una frontiera) che separa il Maryland dalla Pennsylvania. Talvolta la collocazione esatta di un confine non è chiara o è in qualche modo controversa (come quando si cerchi di tracciare i limiti del monte Everest, o il confine del nostro corpo). Talaltra il confine non corrisponde a una discontinuità fisica o a una differenziazione qualitativa (come nel caso dei confini del Wyoming, o della demarcazione tra la metà superiore e la metà inferiore di una sfera omogenea). Ma, che sia netto o confuso, naturale o artificiale, sembra esservi per ogni oggetto un confine che lo separa dal resto del mondo. Anche gli eventi hanno confini, quantomeno confini temporali. Le nostre vite sono delimitate dalle nostre nascite e morti; una partita di calcio comincia alle quindici in punto e termina col fischio finale dell’arbitro alle sedici e quarantacinque. E a volte si dice che anche le entità astratte, come i concetti o gli insiemi, hanno dei propri confini. Se tutto questo parlare di confini abbia davvero un senso, e se rifletta la struttura del mondo o solo l’attività organizzatrice del nostro intelletto, è però oggetto di profonda controversia filosofica.
PhilPapers/Archive ID
VARC
Revision history
Archival date: 2015-11-21
View upload history
References found in this work BETA
.Williamson, Timothy
Blindspots.Levin, Michael

View all 44 references / Add more references

Citations of this work BETA

No citations found.

Add more citations

Added to PP index
2009-01-28

Total views
174 ( #21,718 of 46,191 )

Recent downloads (6 months)
17 ( #37,722 of 46,191 )

How can I increase my downloads?

Downloads since first upload
This graph includes both downloads from PhilArchive and clicks to external links.