La biosemiotica di Jakob von Uexküll e Max Scheler: dal Bauplan al Leibschema

In Biosemiotic and psychopathology of the ordo amoris. Biosemiotica e psicopatologia dell'ordo amoris. In dialogo con Max Scheler. Milano: pp. 70-77 (2018)
Download Edit this record How to cite View on PhilPapers
Abstract
In questo lavoro si dimostra che l'opinione comune, secondo cui è Heidegger a introdurre Jacob von Uexküll nel dibattito filosofico è scorretta, in quanto è Scheler, due decenni prima, a scoprire e valorizzare la portata filosofica di Uexküll. Pure la distinzione fra mondo (Welt) e ambiente (Umwelt), come quella fra apertura al mondo e chiusura ambientale, non è introdotta da Heidegger nel 1929 (cfr. l'Introduzione di Marco Mazzeo al testo di Uexküll, Ambienti animali e ambienti umani, p.18 e seg.) ma è già presente in Scheler negli scritti del periodo 1909-1913.
PhilPapers/Archive ID
CUSJVU
Revision history
Archival date: 2019-04-07
View upload history
References found in this work BETA

No references found.

Add more references

Citations of this work BETA

No citations found.

Add more citations

Added to PP index
2019-04-07

Total views
76 ( #37,241 of 50,323 )

Recent downloads (6 months)
26 ( #23,505 of 50,323 )

How can I increase my downloads?

Downloads since first upload
This graph includes both downloads from PhilArchive and clicks to external links.