La biosemiotica di Jakob von Uexküll e Max Scheler: dal Bauplan al Leibschema

In Biosemiotic and psychopathology of the ordo amoris. Biosemiotica e psicopatologia dell'ordo amoris. In dialogo con Max Scheler. Milano: pp. 70-77 (2018)
Download Edit this record How to cite View on PhilPapers
Abstract
In questo lavoro si dimostra che l'opinione comune, secondo cui è Heidegger a introdurre Jacob von Uexküll nel dibattito filosofico è scorretta, in quanto è Scheler, due decenni prima, a scoprire e valorizzare la portata filosofica di Uexküll. Pure la distinzione fra mondo (Welt) e ambiente (Umwelt), come quella fra apertura al mondo e chiusura ambientale, non è introdotta da Heidegger nel 1929 (cfr. l'Introduzione di Marco Mazzeo al testo di Uexküll, Ambienti animali e ambienti umani, p.18 e seg.) ma è già presente in Scheler negli scritti del periodo 1909-1913.
PhilPapers/Archive ID
CUSJVU
Upload history
Archival date: 2019-04-07
View other versions
Added to PP index
2019-04-07

Total views
100 ( #38,150 of 55,930 )

Recent downloads (6 months)
23 ( #31,975 of 55,930 )

How can I increase my downloads?

Downloads since first upload
This graph includes both downloads from PhilArchive and clicks on external links on PhilPapers.