L'epistemologia junghiana e il Libro Rosso

Download Edit this record How to cite View on PhilPapers
Abstract
Nel Liber Novus la risonanza dei campi archetipici, che si esplica nel primato dell’imago e dell’immaginale, esplode in tutta la sua “patica” evidenza. L’archetipo junghiano sembra contenere in sé il riverbero dell’onnipresente telos che percorre la coincidentia oppositorum, e qui il pensiero va alla concezione di Nicola Cusano. Nella sua concezione, l'entità divina è al di là del principio di identità e di non contraddizione, Dio è l'unità degli opposti, in Lui luce e tenebre, sostanza e non sostanza e tutti i dualismi, vengono compenetrati.
Keywords
No keywords specified (fix it)
PhilPapers/Archive ID
SANLJE
Upload history
Archival date: 2020-04-27
View other versions
Added to PP
2020-04-27

Downloads
69 (#60,693)

6 months
6 (#69,602)

Historical graph of downloads since first upload
This graph includes both downloads from PhilArchive and clicks on external links on PhilPapers.
How can I increase my downloads?