Results for 'Randi Vita'

71 found
Order:
  1. The Ontology for Biomedical Investigations.Anita Bandrowski, Ryan Brinkman, Mathias Brochhausen, Matthew H. Brush, Bill Bug, Marcus C. Chibucos, Kevin Clancy, Mélanie Courtot, Dirk Derom, Michel Dumontier, Liju Fan, Jennifer Fostel, Gilberto Fragoso, Frank Gibson, Alejandra Gonzalez-Beltran, Melissa A. Haendel, Yongqun He, Mervi Heiskanen, Tina Hernandez-Boussard, Mark Jensen, Yu Lin, Allyson L. Lister, Phillip Lord, James Malone, Elisabetta Manduchi, Monnie McGee, Norman Morrison, James A. Overton, Helen Parkinson, Bjoern Peters, Philippe Rocca-Serra, Alan Ruttenberg, Susanna-Assunta Sansone, Richard H. Scheuermann, Daniel Schober, Barry Smith, Larisa N. Soldatova, Christian J. Stoeckert, Chris F. Taylor, Carlo Torniai, Jessica A. Turner, Randi Vita, Patricia L. Whetzel & Jie Zheng - 2016 - PLoS ONE 11 (4):e0154556.
    The Ontology for Biomedical Investigations (OBI) is an ontology that provides terms with precisely defined meanings to describe all aspects of how investigations in the biological and medical domains are conducted. OBI re-uses ontologies that provide a representation of biomedical knowledge from the Open Biological and Biomedical Ontologies (OBO) project and adds the ability to describe how this knowledge was derived. We here describe the state of OBI and several applications that are using it, such as adding semantic expressivity to (...)
    Download  
     
    Export citation  
     
    Bookmark   15 citations  
  2.  20
    Ко су били Терапеути у Vita Contemplativa Филона Александријског? (Who were the Therapeuts in Philo’s De Vita Contemplativa?).Aleksandar Djakovac - 2019 - Theological Views 52 (3):601-618.
    In contemporary research, the prevailing view is that the Therapeuts, of which Philo of Alexandria writes in Vita Contemplativa, were a Jewish group or sect. There is also an opinion that Therapeuts are the product of Philo’s utopian fantasy. In both cases, the report of Eusebius of Caesarea in the Church history is dismissed as unfounded. In this paper, we will outline the reasons why we believe that Eusebius’s view cannot be rejected as unfounded, and that it is more (...)
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  3. Appunti Sull'idea di Vita Tecnica a Partire Dalla "Kritik der Urteilskraft". Per Un’Archeologia Della Tecnica Moderna.Emanuele Clarizio - 2014 - Nóema 5 (2).
    I. Kant’s Critique of Judgment is a maintext to catch the epistemological tensions created by the emerging notion of life . By investigating the specific causality of life in order to explain the phenomenon of self-organization of the living, Kant uses the remarkable concept of technique of nature , thus establishing a strong analogy between technique and life.The consequences of this analogy affect not only the epistemology of life, but also the modern conception of technique.To a technicization of life corresponds (...)
    Download  
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  4. Alla fine della vita: bioetica e medicina alla ricerca di un confine [At the end of life: bioethics and medicine looking for a boundary].Rosangela Barcaro - 2015 - Laboratorio dell’ISPF.
    Bioethics, neuroscience, medicine are contributing to a debate on the definition and criteria of death. This topic is very controversial, and it demonstrates clashing views on the meaning of human life and death. Official medical and legal positions agree upon a biological definition of death as irreversible cessation of integrated functioning of the organism as a whole, and whole-brain criterion to ascertain death. These positions have to face many criticisms: some scholars speak of logical and practical inconsistency, some others of (...)
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  5.  30
    Cifra della vita, linguaggio ed etica.Antonio Chiocchi - 2007 - Società E Conflitto (35/36).
    Linguaggio, etica, verità e mondo da Wittgenstein a noi.
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  6. Opus Et Vita in Fieri. Il Cammino Iniziatico Del Pensare.Gianluca De Candia - 2012 - Rivista di Scienze Religiose 51 (2012):43-57.
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  7. C. S. Peirce: la vita della scienza e il desiderio di apprendere.Jaime Nubiola - 2016 - In Ariberto Acerbi, Andrés Mijangos Labastida & G. Luise (eds.), La filosofia come paideia. Contributi sul ruolo educativo degli studi filosofici. Roma, Italia: pp. 115-129.
    Twenty years ago I put a sign on the door to my office —and it’s still there— with the sentence of Peirce that I have used in my title: "The life of science is in the desire to learn" (CP 1.235, c.1902). I learned this quote from the late professor of logic at MIT, George Boolos. Like him, I put it on my door to invite students to come in to inquire, to ask questions, since their questions are not just (...)
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  8.  77
    De' rossi . Vita di Federico di Montefeltro, a cura di Vanni Bramanti. [REVIEW]Pierre Jodogne - 1995 - Revue Belge de Philologie Et D’Histoire 73 (3):914-915.
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  9. Lou Andreas Salomé, Vita di Nietzsche. [REVIEW]Federica Montevecchi - 2000 - la Società Degli Individui 7.
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  10.  84
    A. Scola, Quale vita? La bioetica in questione. [REVIEW]R. Barcaro - 2000 - Epistemologia 23 (1):179-180.
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  11. Il significato della vita: come valurare una civiltà.Barry Smith - 2013 - In Philippe Nemo & Jean Petitot (eds.), Storia del liberalismo in Europa. Rubbettino. pp. 1225-1234.
    In what respects is Western civilization superior or inferior to its rivals? In raising this question we are addressing a particularly strong form of the problem of relativism. For in order to compare civilizations one with another we would need to be in possession of a framework based on principles of evaluation which would be acceptable, in principle, to all human beings. Morality will surely provide one axis of such a framework (and we note in passing that believers in Islam (...)
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  12. Tutto in questa vita: considerazioni sull’etica e la morale dei Cārvāka/Lokāyata.Krishna Del Toso - 2013 - In Krishna Del Toso & Pietro Piro (eds.), Perché guardare a Oriente? Prospettive, risorse e visioni di un mondo non più lontano. Tipheret Editore. pp. 117-133.
    In questo saggio sono espresse alcune riflessioni concernenti l’orizzonte etico-morale proprio della scuola di materialismo indiana nota con il nome di Cārvāka/Lokāyata. La discussione si sviluppa secondo i seguenti punti: 1. Gli assunti ontologico-psicologici; 2. Gli assunti epistemologici; 3. L’etica e la morale; 4. Conclusioni.
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  13. Measuring Perceived Service Quality and Client Satisfaction of the Volunteer Income Tax Assistance (VITA) Program in Rhode Island.Anne Quinterno - 2017 - Academia.Edu.
    Perceptions of VITA satisfaction are the degree to which clients find various VITA site attributes important in enhancing their income tax preparation experience. The main dimensions of perceived VITA client satisfaction are reliability and accessibility, or service quality. The findings of this study reveal that between the two dimensions (reliability and accessibility); reliability has emerged as the most important predictor of client satisfaction. Therefore, it can be concluded, that the scales chosen are suitable to gain interpretable and (...)
    Download  
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  14. Introduzione, in Rahel Jaeggi, "Forme di vita e capitalismo", edited and translated by Marco Solinas, Turin: Rosenberg & Sellier, 2016, pp. 7-31.Solinas Marco (ed.) - 2016 - Turin: Rosenberg & Sellier.
    Introduzione alla raccolta di saggi di Rahel Jaeggi "Forme di vita e capitalismo", curata e tradotta da Marco Solinas. L'introduzione presenta una breve panoramica del pensiero dell'autrice e si sofferma sul suo progetto incentrato sulla critica immanente del capitalismo come forma di vita.
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  15.  62
    Solinas, Introduzione a "Forme di vita e capitalismo" di Rahel Jaeggi (Turin: 2016), pp. 7-31.Marco Solinas (ed.) - 2016 - Turin: Rosenberg & Sellier.
    "Introduzione" alla raccolta di articoli di Rahel Jaeggi "Forme di vita e capitalismo", curata e tradotta da Marco Solinas, e uscita per Rosenberg & Sellier nel 20016.
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  16.  73
    Sisifo e l'Assurdo, o della vita innocente.Fabio Vergine - 2015 - In Filosofia E. Nuovi Sentieri (ed.), Albert Camus: l'eredità di un pensatore scomodo. Morrisville, Carolina del Nord, Stati Uniti: pp. 486-509.
    "Sisifo e l'Assurdo, o della vita innocente", in AA. VV, Albert Camus. L'eredità di un pensatore scomodo, a cura di "Filosofia e Nuovi Sentieri".
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  17.  27
    F Amerini, Tommaso d’Aquino. Origine e fine della vita umana. [REVIEW]Sergio Volodia Marcello Cremaschi - 2010 - Rivista di Filosofia Neo-Scolastica 102 (4):716-718.
    Amerini declares that by this book he did not want to make any contribution to the contemporary bioethical debate, or in another way, he wanted to give a preliminary contribution of great importance. His opinion on the implications of Aquinas's embryological theory for today's bioethical debate is in fact that it "certainly has some bioethical consequences, but it does not give rise to one particular bioethical theory rather than another. It is, as said, a philosophical explanation, traced in terms of (...)
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  18. Un'esile significanza: Eugenio Lecaldano sul senso della vita.Lorenzo Greco - 2017 - Etica E Politica 19 (2):315–322.
    In this paper, I examine Eugenio Lecaldano’s way of tackling the issue of the meaning of life. I highlight the dependence of his individualistic approach on the specific character of the person who inquires into the meaning of life. I also sketch a weaker way of understanding the meaning of life as an attempt to provide reasons which are valid from the standpoint of the present, and which will make us continue living.
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  19.  45
    Paolo Barbò da Soncino: Questioni di Metafisica Introduzione alla vita ed al pensiero di un tomista rinascimentale con l’edizione critica del IV libro delle sue Acutissimae Quaestiones Metaphysicales.Efrem Jindracek - 2017 - Řím, Itálie: Angelicum University Press.
    Paolo Barbò da Soncino conosciuto anche come il „Soncinas" (Soncinate) fu un domenicano italiano, filosofo e teologo tomista. Visse durante il periodo del rinascimento italiano nel XV secolo tra Bologna e Milano, morto a Cremona nel 1495. La suo apiù importante opera è proprio il commento alla Metafisica di Aristotele (Acutissimae quaestiones metaphysicales, 1 ed. Venezia 1498) che rappresenta una particolare sintesi del commentatore arabo Averrè, Tommaso d'Aquino, Erveo Natale († 1323) e Giovanni Capreolo († 1444). L'opera filosofica del Soncinate (...)
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  20. Lineamenti di cristeologia. «Fede critica» e umiltà epistemica: il rapporto ragione-fede al confine tra meta-teologia, metodologia e vita.Damiano Migliorini - 2016 - Theologica 1:1-51.
    ENGLISH: The author investigates whether the model prevalent today of an “humble reason” - based on fallibilism and epistemic humility - is the most appropriate to express the theological truth, even in the light of the debate within the contemporary theism (rational theology). To answer this question it is necessary to examine the epistemological status of “human truth” and the “truth of faith”, in order to develop a common approach to sciences, philosophy and theology. Finally, the author shows how the (...)
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  21.  68
    Attraversamenti.Chiocchi Antonio - 2021 - Biella, Italia: Zigzagando.
    Mondi della vita e vite del mondo nell'attraversamento dei sentieri etici in cui ci imbattiamo.
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  22. 5 Questions on Science & Religion.Massimo Pigliucci - 2014 - In Gregg D. Caruso (ed.), Science and Religion: 5 Questions. Automatic Press. pp. 163-170.
    Are science and religion compatible when it comes to understanding cosmology (the origin of the universe), biology (the origin of life and of the human species), ethics, and the human mind (minds, brains, souls, and free will)? Do science and religion occupy non-overlapping magisteria? Is Intelligent Design a scientific theory? How do the various faith traditions view the relationship between science and religion? What, if any, are the limits of scientific explanation? What are the most important open questions, problems, or (...)
    Download  
     
    Export citation  
     
    Bookmark   1 citation  
  23. Bauman e Habermas su teoria e prassi. Alle origini di un confronto incompiuto.Luca Corchia - 2018 - Sicurezza E Scienze Sociali 1 (6):141-174.
    After noting the absence of a mutual confrontation, the aim of this research has been redefined in reconstructing the influence of Habermas’ writings on the work of Zygmunt Bauman – an aspect known to scholars of the Polish sociologist but not very well recognized in the international sociological community. Following a philological and critical literary approach, the Baumanian interpretations – selective, discontinuous and, often, erroneous – have been systematized into two main topics: 1) the epistemological foundations of social theory; 2) (...)
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark   1 citation  
  24. Il Meccanicismo Metafisico: Scienza, Filosofia E Storia in Nietzsche E Mach.Pietro Gori - 2009 - Il Mulino.
    Tra i numerosi autori attivi nel campo delle scienze naturali che Friedrich Nietzsche ebbe modo di conoscere nel corso della propria vita, Ernst Mach rappresenta certamente un caso significativo. La sua presenza all'interno degli scritti del filosofo è pressoché nulla, ma la comunanza dei temi trattati e la particolare affinità delle prospettive adottate in materia di teoria della conoscenza invitano ad avvicinare questi due autori e a ipotizzare un qualche tipo di influsso diretto tra loro. Ciononostante, fino ad oggi (...)
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark   3 citations  
  25. Dialogo Su Jürgen Habermas. Le Trasformazioni Della Modernità.Luca Corchia & Massimo Ampola - 2007 - ETS.
    Jürgen Habermas ha dedicato più di trent’anni dei suoi studi alle scienze sociali al fine di definire, attraverso la ricostruzione delle tradizioni di pensiero in esse presenti, un quadro teorico di riferimento che orienti i programmi della ricerca storico-sociale. Al pari dei grandi classici del pensiero sociologico, egli ha cercato di affrontare i “problemi della società nel suo insieme” esplicitando gli assunti, i metodi e gli obiettivi della teoria sociale come presupposto indispensabile per un’indagine che ampli i confini disciplinari della (...)
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark   3 citations  
  26. Metafisica mostruosa.Elena Casetta - 2014 - In Elena Casetta & Valeria Giardino (eds.), Mettere a fuoco il mondo. © ISONOMIA – Epistemologica, University of Urbino. pp. 24-35.
    Se leggiamo tra le righe del suo lavoro, possiamo scoprire che Varzi prende i mostri molto sul serio. Troviamo, per esempio, mostri mereologici frutto della composizione non ristretta, come l’entità costituita dalla metà sinistra di questa mela e dal bracciolo di quella poltrona.10 Oppure mostri topologici dai quali una teoria mereotopologica delle nicche deve rifuggire, come le curve riempispazio di Peano e Hilbert.11 O, ancora, mostri ontologici come l’antimateria;12 le entità “inesistenti” che, come si sa, non possono esistere, dato che (...)
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark   1 citation  
  27.  69
    Katharsis. La morte dell'ego e il divino come apertura al mondo nella prospettiva di Max Scheler.Guido Cusinato - 1999 - Napoli: ESI.
    Dalla Prefazione di Manfred Frings: «Il libro di Guido Cusinato non solo riesce a mettere in evidenza la molteplice rilevanza della filosofia di Scheler […], ma illumina anche nuovi aspetti e apre nuove prospettive di indagine. Questo obiettivo viene raggiunto da Cusinato con rigore metodologico e attraverso uno sforzo teso a verificare tutta una serie di affermazioni che erano state fatte finora in modo forse un po’ troppo affrettato. Per es. dimostra che Scheler non era né un dualista né un (...)
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark   2 citations  
  28.  33
    L'autobiografia spirituale più profonda di tutti i tempi? -una recensione di "The Knee of Listening" (Il ginocchio dell'ascolto) di Adi Da (Franklin Jones) (1995) (recensione rivista nel 2019).Michael Richard Starks - 2020 - In Benvenuti all'inferno sulla Terra: Bambini, Cambiamenti climatici, Bitcoin, Cartelli, Cina, Democrazia, Diversità, Disgenetica, Uguaglianza, Pirati Informatici, Diritti umani, Islam, Liberalismo, Prosperità, Web, Caos, Fame, Malattia, Violenza, Intellige. Las Vegas, NV, USA: Reality Press. pp. 228-231.
    Una breve rassegna della vita e dell'autobiografia spirituale dell'unico mistico americano Adi Da (Franklin Jones). L'adesivo sulla copertina di alcune edizioni dice 'L'autobiografia spirituale più profonda di tutti i tempi' e questo potrebbe essere vero. Ho 70 anni e ho letto molti libri di insegnanti spirituali e sulla spiritualità, e questo è uno dei più grandi. Certamente, è by lontano il resoconto più completo e piùchiaro del processo di illuminazione che abbia mai visto. Anche se non hai alcun interesse (...)
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  29. La pragmatica del vuoto in Nagarjuna.Giacomo Foglietta - 2010 - Nóema 1:1-26.
    Nāgārjuna, vissuto in India attorno al primo secolo dopo Cristo, è certamente una delle figure più importanti del pensiero buddhista. In una delle sue opere principali, le ‘Strofe sulla via di mezzo ’, egli elabora in modo compiuto la nozione di ‘vuoto’, che diverrà uno dei concetti fondamentali di tutto il buddhismo successivo, dando vita alla ‘scuola del vuoto’, la quale avrà grande fortuna in Tibet, Cina e Giappone. Per vuoto non si intende certo il nulla, bensì l’inconsistenza rivelata (...)
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  30.  97
    La Struttura Logica del Comportamento Umano.Michael Richard Starks - 2020 - las vegas, NV USA: Reality Press.
    È mia contesa che la tabella dell'intenzionalità (razionalità, coscienza, mente, pensiero, linguaggio, personalità, ecc.) che figura in primo piano qui descrive più o meno accuratamente, o almeno serve come euristica per, come pensiamo e ci comportiamo, e quindi comprende non solo la filosofia e la psicologia, ma tutto il resto (storia, letteratura, matematica, politica ecc.). Si noti in particolare che l'intenzionalità e la razionalità come io (insieme a Searle, Wittgenstein e altri) lo vedono, include sia il sistema linguistico deliberativo cosciente (...)
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  31.  55
    Post- i transhumanizm w kontekście wybranych zjawisk artystycznych technokultury.Przemysław Zawadzki & Agnieszka K. Adamczyk - 2019 - Avant: Trends in Interdisciplinary Studies 10 (3).
    Creations of many contemporary artists indicate the emergence of technoculture. Although artistic manifestations of technoculture may appear to be a provocation, they encourage fundamental ontological questions, such as whether a person has unchanging nature; what was and is our relationship to the Other, and what it should be; to what extent can body and mind be altered before they stop being “human”; what is the future of our species. To properly understand the works of technoculture artists, it appears necessary to (...)
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  32.  52
    Sommario di "Il Pensiero Massonico Tedesco del XVIII Secolo- Gotthold Ephraim Lessing - Johann Gottfried Herder - Johann Wolfgang Goethe - Johann Gottlieb Fichte".Francesco Angioni (ed.) - 2018 - Lecce LE, Italia: Borè srl.
    In Germany, between the last decades of the 18th and the first decades of the 19th centuries, four fundamental figures of German and European culture emerged: Lessing the great playwright, Herder the promoter of the epistemological foundations of modern linguistics and of the emerging historical-social sciences, Goethe the supreme poet and novelist, and Fichte the eminent philosopher. They were all Freemasons and basic authors of Masonic thought. The most significant works of these authors have been chosen, which summarize the interpretative (...)
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  33. Aristotle.Jussi Backman - 2017 - In Adam Kotsko & Carlo Salzani (eds.), Agamben's Philosophical Lineage. Edinburgh: Edinburgh University Press. pp. 15-26.
    This chapter is an overview of Giorgio Agamben's engagement, in the Homo Sacer series (1995–2014), with Aristotelian philosophy. It specifically studies Agamben's attempt to deconstruct two Aristotelian conceptual oppositions fundamental for the Western tradition of political thought: (1) that between the bare fact of being alive and "qualified" living (associated by Agamben with an alleged distinction between zōē and bios) and (2) that between potentiality (dynamis) and actuality (energeia). Agamben's concept of form-of-life (forma-di-vita), a life that is never "bare" (...)
    Download  
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  34.  59
    La verità in Blondel (Seconda Parte).Francesco Bertoldi - 2001 - Divus Thomas 104 (2):179-202.
    Blondel non era un relativista, credeva nella possibilità per il pensiero umano di arrivare alla verità, ma coinvolgendo la vita, verificando la verità nell'azione.
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  35.  51
    La tesi dell'impotenza dello spirito e il problema del dualismo nell'ultimo Scheler. Die These von der Ohnmacht des Geistes bei Max Scheler.Guido Cusinato - 1995 - Verifiche: Rivista Trimestrale di Scienze Umane 24 (1):65-100.
    Questo saggio mette in discussione l'interpretazione predominante sull'ultimo Scheler e basata sulla tesi di un dualismo sostanziale fra Geist e Leben riconducibile a quello cartesiano. Questa interpretazione non tiene conto che Scheler in Die Stellung des Menschen im Kosmos critica espressamente il dualismo cartesiano. In secondo luogo, attraverso una precisa analisi dei testi, si mette in luce come dopo il 1924, il termine Geist assuma nel testo scheleriano un significato molto diverso da quello del periodo intermedio, e venga caratterizzato come (...)
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  36.  97
    Stirner Giuspositivista. Rileggendo L'Unico e la sua proprietà.Carlo Di Mascio - 2015 - Trento, Italy: Edizioni Del Faro.
    La critica di Max Stirner, al pari di quella giuspositivistica, mirando alla dissoluzione di ogni valore assoluto, riconduce la costruzione dell'esperienza umana a un atto di volontà dell'individuo, il quale, irriducibile a ogni metafisica tradizionale e a ogni tipo di autorità ereditaria, crea e ricrea la propria esistenza e il mondo in maniera autonoma e incondizionata. In questo senso, la matrice non-cognitivistica comune sia al pensiero stirneriano che a quello giuspositivistico - oltre a denunciare il fondamento tipicamente universalistico e oggettivistico (...)
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  37. Introduzione alla pragmatica.Filippo Domaneschi - 2014 - Carocci.
    Il linguaggio permea la nostra vita quotidiana: quando chiediamo un caffè al bar, quando discutiamo con i nostri amici, quando salutiamo qualcuno o ci presentiamo a un colloquio di lavoro, comunichiamo utilizzando parole ed espressioni di una certa lingua. Conversare è un'attività spontanea e apparentemente elementare, ma che coinvolge meccanismi estremamente complessi e sofisticati. Tramite numerosi esempi e illustrando le teorie linguistiche e filosofiche più recenti, questo libro vuole fornire al lettore una "cassetta degli attrezzi" utile per comprendere e (...)
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  38.  30
    4.1. Fondamenti ontologici per una scienza dei servizi.Roberta Ferrario & Nicola Guarino - 2012 - Rivista di Estetica 49:227-246.
    Nonostante la pervasività della nozione di servizio e le recenti proposte per una Scienza dei Servizi unificata, esistono ancora parecchie inconsistenze tra le varie definizioni di servizio in uso nelle diverse discipline (e spesso anche all'interno della stessa disciplina). In particolare, a dispetto del fatto che l'obiettivo generale di questa scienza dovrebbe essere di permettere a persone e calcolatori di interagire agevolmente con i servizi nella vita di tutti i giorni, molti approcci alla modellazione dei servizi in informatica (specialmente (...)
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  39.  61
    Fondamenti ontologici per una scienza dei servizi.Roberta Ferrario & Nicola Guarino - 2012 - Rivista di Estetica 49:227-246.
    Nonostante la pervasività della nozione di servizio e le recenti proposte per una Scienza dei Servizi unificata, esistono ancora parecchie inconsistenze tra le varie definizioni di servizio in uso nelle diverse discipline (e spesso anche all'interno della stessa disciplina). In particolare, a dispetto del fatto che l'obiettivo generale di questa scienza dovrebbe essere di permettere a persone e calcolatori di interagire agevolmente con i servizi nella vita di tutti i giorni, molti approcci alla modellazione dei servizi in informatica (specialmente (...)
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  40.  52
    Nicola Cusano da Colonia a Roma (1425-1450). Università, politica e umanesimo nel giovane Cusano.Andrea Fiamma - 2019 - Münster, Germania: Aschendorff Verlag.
    Il volume ripercorre lo sviluppo del pensiero del giovane Nicola Cusano dalla frequentazione del maestro albertista Eimerico da Campo presso l’Università di Colonia (1425) e dal confronto con le posizioni filosofiche dei domenicani dello Studium coloniense, fino agli anni della maturità a Roma (1450). Il saggio illustra il contesto storico-culturale della genesi del De docta ignorantia, testo che suggella la presa di distanza di Cusano dal proprio passato universitario ma anche, al contempo, la sua insoddisfazione nei confronti dell’umanesimo diffuso in (...)
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  41. Animale, "transanimale" e umano nel pensiero di Hans Jonas / Animal, "transanimal" and Human in Hans Jonas' Thought.Roberto Franzini Tibaldeo - 2015 - Pensando – Revista de Filosofia 6 (11):415-435.
    Il pensiero di Hans Jonas, specie per quel che riguarda la cosiddetta “biologia filosofica”, tratta indirettamente del rapporto tra essere umano e animale. A questo riguardo, Jonas rifiuta sia l’approccio dualistico, sia quello monistico-riduzionistico e propende al contrario per una complessiva reinterpretazione del fenomeno della vita nei termini di quel che egli definisce una “rivoluzione ontologica”. In virtù di ciò, il pensatore rintraccia lo specifico del fenomeno della vita e individua nelle forme viventi una scala naturae di complessità, (...)
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  42.  31
    Primo Levi e Pierre Bayle. "Soffro dunque sono": una lettura dei moderni.Simone Ghelli - 2020 - In Gianluca Cinelli & Robert S. C. Gordon (eds.), Innesti: Primo Levi e i libri altrui. Oxford: Peter Lang. pp. 161-177.
    (Dall'introduzione del volume) Nel terzo capitolo Simone Ghelli si lancia nell’impresa di ipotizzare un percorso di lettura leviano di cui non è dato trovare riscontri filologici precisi, ma che è tuttavia percepibile “nell’aria” e nelle opere del torinese. Si tratta di una risonanza con il pensiero filosofico di Pierre Bayle e della sua riflessione sulla sofferenza nell’orizzonte speculativo di Levi, il quale tornò sovente a meditare sul problema del male e sulla spinosa questione dell’assenza di Dio e dell’impossibilità di fornire (...)
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  43. Dal Simulazionismo al Paradigma Galileiano.Marco Giunti - 2005 - In Atti del XIX Congresso Nazionale dell'Associazione Italiana di Psicologia, sez. di Psicologia Sperimentale, Cagliari, 18-20 settembre, 2005. (CD-ROM). Associazione Italiana di Psicologia Sperimentale.
    Il lavoro esamina criticamente i presupposti di cinque differenti approcci alla Scienza Cognitiva, (simbolico, connessionista, dinamico, della cognizione incarnata e della vita artificiale) e sostiene che tutti e cinque condividono tacitamente un’ipotesi metodologica molto generale. Tale ipotesi, che propongo di chiamare simulazionismo , postula che i fenomeni cognitivi di un qualunque sistema reale possono essere adeguatamente spiegati sulla base di opportuni modelli di simulazione del sistema stesso. Tuttavia, a causa della loro costituzione, i modelli di simulazione hanno forti limitazioni, (...)
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  44. La risposta di un gimnosofista al quesito di Alessandro sull’origine del tempo: dottrina indiana?Paolo Magnone - 2001 - In Irma Piovano & Victor Agostini (eds.), Atti dell’Ottavo Convegno Nazionale di Studi Sanscriti (Torino, 20-21 ottobre 1995). Associazione Italiana di Studi Sanscriti. pp. 59-67.
    [Does the gymnosophist’s reply to Alexander’s question on the origin of time indeed reflect an Indian doctrine?] The episode of Alexander’s interview with the gymnosophists has come down to us in several versions, among which the one in Plutarch’s Vita Alexandri is the most renowned. In this connection, the question arises whether the solutions given by the naked philosophers to the puzzles propounded by Alexander can be shown to reflect genuine Indian doctrines. Challenging Dumézil’s reply in the affirmative, the (...)
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  45.  73
    Epistemologia dell'educazione. Pensiero critico, etica ed Epistemic Injustice.Alessia Marabini - 2020 - Rome: Aracne editore.
    Contro una visione prettamente strumentale della razionalità, una tesi di questo libro è che il pensiero critico non può consistere solo di abilità di pensiero deduttivo o inferenziale, ma è più in generale espressione di abilità epistemiche e competenze etiche inerenti al processo della conoscenza intesa come questione complessa, poiché relativa alla formazione della persona che conosce e agisce nel mondo secondo determinati fini, valori, credenze. Una valutazione delle competenze che non tenga conto di questa differenza genera forme di ingiustizia (...)
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  46. La politica viene dopo. La paideia fra grecità e «terzo umanesimo» [Politics comes afterwards. Paideia between hellenism and «third humanism»].Federica Montevecchi - 2012 - la Società Degli Individui 43.
    Il tema di questo saggio è la paideia greca vista attraverso il progetto del «terzo umanesimo», che Werner Jaeger propose nella Germania degli anni venti del Novecento per rispondere alla crisi del suo tempo e del suo paese. L’impegno educativo e intellettuale è considerato da Jaeger, al seguito di Platone, la condizione necessaria per riqualificare l’esperienza politica, nella convinzione che la crisi del tempo sia propria della Bildungstradition umanistica. Il fallimento del progetto jaegeriano non impedisce di tornare a interrogarsi sulla (...)
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  47. Craftspersonhood: The Forging of Selfhood Through Making.Jonathan Morgan - manuscript
    This paper examines the unique structures of identity formation within the craftsperson/maker mindset and their relation to Western views of work and labor. The contemporary Maker Movement has its origins not only in the internet revolution, but also in the revival of handicraft during the last several economic recessions. Economic uncertainty drives people toward the ideals and practices of craft as a way to regain a sense of agency and control. One learns how to become an active participant in our (...)
    Download  
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  48.  88
    Dall'homo Sapiens all'Homo Responsabilis. Verso una Mutazione Antropologica.Roberto Mucelli - 2018 - In Francescantonio Faletti & Roberto Mucelli (eds.), Stato Quasi Minimo e mutazione antropologica. Roma RM, Italia:
    La responsabilità verso la terra e tutte le forme di vita è lo strumento per riconoscere l’ambivalenza bene/male presente in ogni uomo, decostruire l'antropocentrismo, proporre una paideia non violenta. Nell'uscita dall'antropocene, dal collettivismo spersonalizzante e dall'era dei diritti, l’unico modo per portare rispetto a tutti i viventi e alla madre Terra è il percorrere la via verso l'autopurificazione ed il ri-conoscimento del sacro che pervade le nostre vite.
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  49.  11
    Pietro Aureoli, La conoscenza divina delle creature. Le Quaestiones 2 e 3 della Distinctio 35 dello Scriptum. Introduzione, testo latino e traduzione italiana a fronte a cura di Chiara Paladini.Chiara Paladini & Peter Auriol - 2020 - Roma RM, Italia: TabEdizioni.
    Le Quaestiones 2 («Se l’oggetto adeguato della conoscenza divina sia l’essenza di Dio o l’ente universale») e 3 («Se le creature secondo le loro proprie nature e le loro essenze siano vita in Dio e nel Verbo») della Distinctio 35 dello Scriptum di Pietro Aureoli sono importanti per la ricostruzione sia del pensiero del loro autore che della storia della dottrina delle idee divine nel Medioevo. Aureoli rifiuta il modello tradizionale di causalità esemplare, secondo cui Dio avrebbe creato il (...)
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
  50.  11
    Partiti e sistema partitico nella Germania contemporanea: mutamento e tenuta dell'istituzione partito.Roberta Pasquarè - 2009 - Democraza E Diritto 2009 (4):202-218.
    All'inizio degli anni '90 nella pubblicistica tedesca emerge la tendenza a decretare la fine politica dell’istituzione partito. Tipicamente, il partito viene presentato come un dinosauro della democrazia ormai incapace di assolvere alle sue funzioni tipiche o come piovra infiltratasi illegittimamente in ogni ambito della vita civile. La tesi di quest’articolo è che, al contrario, i partiti tedeschi abbiano dimostrato una forte reattività alle mutate circostanze nazionali e internazionali e che siano riusciti a mantenere il loro tipico ruolo funzionale di (...)
    Download  
    Translate
     
     
    Export citation  
     
    Bookmark  
1 — 50 / 71